Iscriviti alla newsletter




Joomla Extensions powered by Joobi

volontario msgsv

scrivendo:

Aderisco all’appello “Se non ora quando?
Appello per una Commissione d’inchiesta sul fenomeno della corruzione e della mafia nel territorio milanese
da inviare all’Amministrazione Comunale di Milano”.

[Nome] [Cognome]
[Indirizzo]
\n");    testo.document.write("\n");    testo.document.write(""); } Appello per una Commissione d’inchiesta sul fenomeno della corruzione e della mafia nel territorio milanese.

Invia la tua adesione

A Milano la mafia esiste. I fatti dimostrano che nella “capitale finanziaria” la corruzione persiste in modo invasivo. Vincenzo Macrì, componente della Direzione Nazionale Antimafia, assicura che “Milano è la vera capitale della “ndrangheta”. Si parla anche di mafia, camorra, sacra corona unita. A testimoniarlo sono fatti giuridicamente sottoposti a procedimenti penali ancora in corso. Politica ed economia intessono relazioni pericolose con esponenti delle cosche.

Diversi sono stati gli omicidi di stampo mafioso commessi negli ultimi mesi, ricordiamo per ultimo Cataldo Aloisio, 34 anni, freddato nel Nord Ovest di Milano da un colpo di pistola alla nuca.
Come spiega Gianni Barbacetto, un potere non più occulto si è insediato nella città e come una idra multitentacolare tende a pervaderne il tessuto sociale, economico e politico.

L’emergenza in città viene indirizzata verso i Rom, oppure verso i furti e le rapine che sono in netto calo negli ultimi anni: il resto non sussiste.   Non si comprende che spesso la microcriminalità esiste perché esiste la macrocriminalità delle organizzazioni mafiose.

La mafia a Milano, come scrive nel suo libro Giampiero Rossi, permane ormai da tempo in diversi settori: dai piccoli spacciatori sulla strada ai consulenti finanziari, ai commercialisti, ai direttori di banca negli uffici “ovattati” del centro cittadino, capitale del “business”.

La macrocriminalità ricicla il denaro che gli viene fornito da una certa finanza bancaria e di borsa che, pur non essendo organica alla “cosca”, rimane complice di un sistema di corruzione e di inquinamento della libera concorrenza.
La mafia è un problema culturale, asserisce Giovanni Impastato, fratello di Peppino.  E anche nel Nord  la cultura dominante è quella dell’illegalità.

Occorre creare una Commissione di controllo sugli appalti dell’EXPO, una commissione speciale d’inchiesta sugli interessi mafiosi attivi nel territorio cittadino: la proposta giace in Consiglio Comunale, nonostante l’apprezzamento trasversale che ha ottenuto.
  
La società civile, l’associazionismo per la legalità, Don Gino Rigoldi, Libera, intellettuali e uomini di cultura hanno più volte avanzato la proposta, anche precedentemente all’assegnazione dell’EXPO a Milano. Ma l’amministrazione è sempre apparsa sorda di fronte a una richiesta corale di fare fronte all’emergenza dell’ illegalità mafiosa, corrosiva della convivenza civile e sociale della nostra città.
     
Occorre  subito attivare ogni forma utile a riportare a Milano la cultura della legalità, che è cultura di democrazia, giustizia sociale ed eguaglianza.

Ti chiediamo di aderire a questo appello che alcune cittadine e cittadini indirizzano all’Amministrazione Comunale affinché si chieda subito e si approvi una Commissione d’Inchiesta sul fenomeno della corruzione e della mafia  a Milano, coerentemente con quanto sostenuto da più relatori nell’incontro in memoria di Peppino Impastato, tenutosi proprio a Palazzo Marino il 16 settembre 08.