Iscriviti alla newsletter




Joomla Extensions powered by Joobi

volontario msgsv

ImageUn'Europa per la pace, un'Europa libera dalle armi nucleari

Sabato 16 giugno 2007 - Torino

Programma della giornata


10.30 Apertura della giornata

11.00 proiezione video e documentari sul periodo del nucleare

11.30 conferenza di Massimo Zucchetti - Contro la proliferazione, per un mondo senza armi nucleari

15.30 conferenza di

Jan Tamas - l'esperienza del coordinamento NO BASI in Repubblica Ceca

Tiziano Tissino - la protesta contro le bombe di Aviano

Ann Wrigh - attivista contro la guerra, ex colonnello dell’esercito degli Stati Uniti
 

16.00 "Libertà" spettacolo di burattini ed attori

16.30: interventi dal palco

Giorgio Shultze - Portavoce del Forum Umanista Europeo
Jan Tamas - Portavoce del Coordinamento "No Basi" in Rep. Ceca
Alberto Perino - Movimento No Tav
Elena Savoini - Tavolo No F35, Novara
Un rappresentante del Presidio permanente NO DAL MOLIN
Tiziano Tissino - Beati i Costruttori di Pace
Giorgio Rivoltella, Coordinamento No F35, Novara

18.30 Conferenza - Le esperienze dei Movimenti: azioni e pratiche di pace

21,30 Fiaccolata per la pace (simbolo della Pace)

Informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Guarda lo spot video:

COMUNICATO STAMPA:

Europe for Peace
Un’Europa per la pace,
un’Europa libera dalle armi nucleari

Sabato 16 giugno 2007
Ore 10.30 – 23.00
Piazza Castello - TO

Giornata per il disarmo nucleare e contro la guerra globale,
organizzata dall’Associazione Mondo Senza Guerre e Cantieri di Pace
Interverranno Jan Tamas, Tiziano Tissino, Ann Wrigh, Alberto Perino

Stand associazioni, conferenze, interventi e testimonianze, fiaccolata per la pace.

Europe for Peace – Per un’Europa libera da armi nucleari, è una campagna nata a Lisbona durante il Forum Umanista del novembre 2006 in relazione al problema del riarmo nucleare e della guerra globale, a cui hanno aderito, tra gli altri, Noam Chomsky, Giulietto Chiesa, Alex Zanotelli. Le dichiarazioni di Stati Uniti e Francia sull‘opportunità di usare per primi la bomba atomica contro il terrorismo, le affermazioni del Giappone sulla possibilità di entrare nel mondo dell’atomica per scopi difensivi, l‘intenzione dell‘Iran e della Corea del Nord di proseguire nel loro programma nucleare, lasciano tutti sgomenti. Di fronte a questa spirale di orrore che minaccia di cancellare l’umanità, è necessario rifiutare la violenza come metodo per risolvere i conflitti.

L’Europa ha l’occasione storica di essere un modello positivo e trainante per tutti quei paesi che stanno avviandosi all’integrazione regionale in America Latina, in Asia e in Africa, avviando una politica internazionale di distensione e facendosi promotrice del dialogo, della non violenza e della riconciliazione fra i popoli.

Di tutto questo parleremo in Piazza Castello sabato 16 giugno durante la giornata per il disarmo nucleare e contro la guerra globale organizzata da Mondo Senza Guerre e Cantieri di Pace.

L’appuntamento è alle 10.30 per l’apertura della manifestazione; in piazza saranno presenti con i loro stand informativi le associazioni aderenti alla dichiarazione di Europe for Peace (www.europeforpeace.eu), mentre sul palco e nello spazio conferenze si alterneranno interventi e testimonianze del mondo pacifista. Si chiuderà con una fiaccolata durante la quale formeremo il simbolo della pace con le torce.

Si segnalano, in particolare, gli interventi di Jan Tamas, portavoce del coordinamento No Basi in Repubblica Ceca, mobilitazione che sta assumendo rilievo a livello internazionale contro la costruzione di una base radar da parte degli Stati Uniti; Tiziano Tissino, impegnato nel movimento nonviolento dei Beati i Costruttori di Pace e autore dell’azione legale intrapresa contro il governo USA per richiedere la rimozione delle 50 atomiche presenti nella base Usaf di Aviano; Ann Wrigh, ex colonnello dell’esercito USA e attivista contro la guerra; Alberto Perino, portavoce del movimento NO TAV in Val di Susa.