Iscriviti alla newsletter




Joomla Extensions powered by Joobi

volontario msgsv

L'arrivo della Marcia Mondiale negli Stati Uniti nella città di New York, all'inizio del suo tour di tre giorni, precede di un giorno, il discorso del presidente Obama all'Accademia Militare degli SU a West Point, New York, dove i commentatori già preannunciano le dichiarazioni del Presidente sull'incremento delle truppe di 40.000 unità per rafforzare la presenza militare americana in Afghanistan.

Dichiarazione:

La Marcia Mondiale ha cinque proposte principali, una delle quali chiede l'immediato ritiro delle truppe di invasione dai territori occupati. Di conseguenza, siamo in ferma opposizione al preannunciato incremento delle truppe americane ed internazionali in Afghanistan.

La nostra è una posizione fondata su un principio morale: tratta gli altri come vorresti essere trattato. La violenza e la guerra non risolvono i conflitti, ma creano le condizioni affinché nuovi problemi continuino ad affiorare. L'incremento delle truppe porterà inevitabilmente ad un incremento di morti ed incidenti tra i civili, un incremento degli orfani, ed un incremento di giovani disillusi che credono che la violenza sia l'unico modo per sopravvivere. Un incremento delle truppe seminerebbe il seme del terrorismo e renderebbe il mondo un posto più pericoloso per tutti.

Chiediamo al presidente Obama di prendere la scelta, in questo momento, di onorare il Premio Nobel recentemente conferitogli e di cercare una soluzione alternativa al conflitto in Afghanistan. Il denaro destinato alle truppe potrebbe essere speso in modo più saggio per lo sviluppo della regione, portando giustizia sociale per tutti, e sull'eliminazione delle radici del terrorismo, che presumibilmente ha in primo luogo portato il suo paese in questa interminabile guerra.

Rafael de la Rubia,

Portavoce della Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Presidente di Mondo senza Guerre, Spagna.