Iscriviti alla newsletter




volontario msgsv

FaceBook  Twitter  

MSGeV segue con partecipazione e angoscia i drammatici avvenimenti di questi giorni in Libia: la vittoria della protesta popolare nonviolenta in Tunisia ed Egitto evidentemente non è servita di lezione al feroce regime di Gheddafi, che risponde alle manifestazioni assoldando mercenari africani, sparando razzi contro la gente e attribuendo la sollevazione a un complotto islamico e a oscure manovre straniere!

 

Di fronte a questa tragica situazione condanniamo con fermezza:

-  la violenta repressione scatenata da Gheddafi contro le legittime richieste dei manifestanti.

 

Denunciamo:

- l’ipocrisia dell’Europa, che dopo aver sostenuto per anni Gheddafi, vendendogli armi e tecnologia nucleare, ora si accorge che si tratta di un sanguinario dittatore.

- e in particolare l’Italia, che sostiene il cinico ricatto di Gheddafi, sempre pronto a minacciare di interrompere la sua nefasta collaborazione nel “contenimento” dell’immigrazione clandestina (ossia lager disumani dove spariscono gli immigrati respinti dai “civili” paesi europei).

 

Ribadiamo:

- il nostro sostegno a ogni protesta nonviolenta in Libia.

- la certezza che il vento di cambiamento che ha cominciato a soffiare in Tunisia non si fermerà, abbattendo anche in Libia l’ennesimo regime al potere da decenni.

 

Ci auguriamo che il terribile prezzo di sangue pagato finora non aumenti ancora e che anche in Libia possa cominciare una nuova era di democrazia e libertà, secondo le più profonde necessità dei popoli.